SHOBHA
1 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
2 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
3 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
4 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
5 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
6 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
7 / 7 prev / next pause play enlarge slideshow
Options

2015 EXPO MILANO - ITALIA INSIDE OUT I fotografi italiani

Sto raccontando una terra che non ammette illusioni o sogni, nella sua bellezza e rovina, nella sua luce e ombra, sento che la Sicilia è una terra che non può mentire.
Dopo aver trascorso molto tempo in India, sono rientrata in Sicilia, nei primi anni ottanta, durante la guerra di mafia. Ho iniziato a fotografare lavorando con mia madre e un gruppo di fotografi per il giornale L’ora di Palermo. Attraverso la fotografia ho conosciuto meglio la mia terra, trovando informazioni utili che mi hanno aiutato a formarmi dentro, ho cercato in tutti i modi di proteggermi dalla violenza e dal dolore che si respirava in quegli anni scegliendo di raccontare la Sicilia attraverso le donne; donne che si ribellavano alla cultura mafiosa, una cultura immobile fatta di codici e tradizioni: madri, mogli, figlie, donne di cultura, donne a nero, donne del digiuno, donne delle lenzuola, donne magistrato, donne antimafia, donne avvocato, pentite, figlie dei boss, donne dei boss, donne boss e vittime di mafia. Le donne davano vita ad una terra che voleva subito un cambiamento. Nello stesso tempo una parte della Sicilia viveva nei palazzi dell'aristocrazia Siciliana, c’erano i balli in abito da sera, le contraddanze scandite da un francese perfetto,
matrimoni e feste dentro bellissimi parchi e grandi stemmi, e le donne erano sempre bellissime, era un mondo fatto di miti e leggende, di luci e ombre, di legalità e illegalità.
Il mio lavoro sull’aristocrazia: “Gli ultimi Gattopardi è iniziato negli anni novanta ed è durato dieci anni, e proprio in quegli anni la Sicilia delle persone perbene cercavano un cambiamento a tutti i costi... Anche una parte dell'aristocrazia viveva il suo cambiamento, alcune donne diventavano imprenditrici di se stesse e altre scrittrici impegnate nel sociale. Altre più conservatrici mantenevano vive le loro tradizioni e le memorie dei lori antenati.
Si può dire parafrasando Goethe, che nell’aristocrazia si trova la chiave della Sicilia. L’aristocrazia è stata ed è ancora per molti versi la chiave della bellezza, della legalità della cultura e del suo contrario.
Shobha

Copyright Shobha
All rights reserved

Italia Inside Out - I fotografi Italiani
a cura di Giovanna Calvenzi
Palazzo della Ragione Fotografia
Piazza Mercanti 1, Milano
21 marzo - 2 agosto 2015
www.palazzodellaragionefotografia.it


copyright Shobha
all rights reserved


Guarda il catalogo: "Gli ultimi Gattopardi" - edito da Contrasto:

more: 2015_mostra_Inside_out_Shobha.jpg

loading