SHOBHA

1982-2013 - DONNE SICILIANE CUSTODI DELLA LORO MEMORIA

“Mio figlio era lì per terra in un lago di sangue, con uno straccio addosso. Questo è mio figlio, qua a terra! Io l'ho partorito, l'ho concepito, l'ho amato con tutta me stessa! Perchè è qua?
Prenderei i granellini di sabbia, e lo chiederei a loro, solo loro possono dirmelo perchè nessuno me lo dice!”.
Vincenzo e Augusta Agostino.

Vincenzo e Augusta coniugi Agostino, genitori del poliziotto Nino, ucciso con la moglie Ida Castelluccio il 5 agosto 1989. (Estratto dal documentario “Io Ricordo” di Ruggero Gabbai).

La mafia per sua origine e struttura è un'organizzazione che non ha mai dato spazio alle donne, fortemente gerarchica, ha creato una lunga serie di vedove, complici, pentite, vittime, e molti orfani.
Ho iniziato questo progetto nel 1982, lavorando per il giornale “L’ora” di Palermo, con mia madre Letizia Battaglia, negli anni della guerra di mafia.



Rosaria Costa Schifani (vedova di mafia)
Flora Agostino (sorella di Antonino Agostino)
Michela Buscemi e la figlia (vittime di mafia)
Agnese Borsellino (moglie del giudice Paolo Borsellino)
Letizia Battaglia (fotografa)
Alice Grassi (figlia di Libero Grassi)
Pina Maisano (moglie di Libero Grassi)
Saveria Antiochia
(madre del giudice Roberto Antiochia)
Felicia Bartolotta Impastato
(madre di Peppino Impastato) e i nipoti
Giuseppe Di Matteo (bambino, vittima di mafia)
Santina Rizzo con la figlia (vittima di mafia)
Monica Rostagno (figlia di Mauro Rostagno)
Chicca Roveri (compagna di Mauro Rostagno)
Rita Borsellino (sorella del giudice Paolo Borsellino)
Emilia Incandela (madre di Agostino Catalano)
Giacomina Filippello (pentita di mafia)
Augusta Agostino (madre di Antonino Agostino)
Chiara Azzolini (vittima di mafia)
Rita Atria (pentita di mafia)
Emanuela Loi (vittima di mafia, agente del giudice Paolo Borsellino)
Le donne del digiuno (funerali di Rita Atria)
Barbara Asta con i suoi gemellini Giuseppe e Salvatore (vittime di mafia)
Marisa Chiazzese (moglie di Pier Santi Mattarella)
Famiglia Grado (omicidio Ciaculli)
Anna Cottone (moglie del mafioso Madonia)
Lucia Riina (figlia del boss Totò Riina)
Famiglia Mangano
(moglie e figlie dello stalliere di Arcore, Vittorio Mangano)
E tante altre...

The Mafia is a ferociously hierarchical organization into which women never had much importance, in time, with their sorrows and their pains, they decided to talk, to collaborate with justice, and live under the protection of the police.

Options
1 / 47 enlarge slideshow
Options
2 / 47 enlarge slideshow
Options
3 / 47 enlarge slideshow
Options
4 / 47 enlarge slideshow
Options
5 / 47 enlarge slideshow
Options
6 / 47 enlarge slideshow
Options
7 / 47 enlarge slideshow
Options
8 / 47 enlarge slideshow
Options
9 / 47 enlarge slideshow
Options
10 / 47 enlarge slideshow
Options
11 / 47 enlarge slideshow
Options
12 / 47 enlarge slideshow
Options
13 / 47 enlarge slideshow
Options
14 / 47 enlarge slideshow
Options
15 / 47 enlarge slideshow
Options
16 / 47 enlarge slideshow
Options
17 / 47 enlarge slideshow
Options
18 / 47 enlarge slideshow
Options
19 / 47 enlarge slideshow
Options
20 / 47 enlarge slideshow
Options
21 / 47 enlarge slideshow
Options
22 / 47 enlarge slideshow
Options
23 / 47 enlarge slideshow
Options
24 / 47 enlarge slideshow
Options
25 / 47 enlarge slideshow
Options
26 / 47 enlarge slideshow
Options
27 / 47 enlarge slideshow
Options
28 / 47 enlarge slideshow
Options
29 / 47 enlarge slideshow
Options
30 / 47 enlarge slideshow
Options
31 / 47 enlarge slideshow
Options
32 / 47 enlarge slideshow
Options
33 / 47 enlarge slideshow
Options
34 / 47 enlarge slideshow
Options
35 / 47 enlarge slideshow
Options
36 / 47 enlarge slideshow
Options
37 / 47 enlarge slideshow
Options
38 / 47 enlarge slideshow
Options
39 / 47 enlarge slideshow
Options
40 / 47 enlarge slideshow
Options
41 / 47 enlarge slideshow
Options
42 / 47 enlarge slideshow
Options
43 / 47 enlarge slideshow
Options
44 / 47 enlarge slideshow
Options
45 / 47 enlarge slideshow
Options
46 / 47 enlarge slideshow
Options
47 / 47 enlarge slideshow
loading