SHOBHA
« < >
Chisinau - Cartellone di denuncia contro la tratta delle bianche
Chisinau - complaint placard against white slaves trade
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
1 / 36 enlarge slideshow
Chisinau - Cartellone di denuncia contro la tratta delle bianche
Chisinau - complaint placard against white slaves trade
Chisinau - orfanotrofio
Chisinau - orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
2 / 36 enlarge slideshow
Chisinau - orfanotrofio
Chisinau - orphanage
Serata Noua - Chisinau Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau Orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
3 / 36 enlarge slideshow
Serata Noua - Chisinau Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau Orphanage
Serata Noua - Chisinau: orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
4 / 36 enlarge slideshow
Serata Noua - Chisinau: orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: orphanage
Serata Noua - Chisinau: Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: Orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
5 / 36 enlarge slideshow
Serata Noua - Chisinau: Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: Orphanage
Serata Noua - Chisinau: Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: Orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
6 / 36 enlarge slideshow
Serata Noua - Chisinau: Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: Orphanage
Serata Noua - Chisinau: Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: Orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
7 / 36 enlarge slideshow
Serata Noua - Chisinau: Orfanotrofio
Serata Noua - Chisinau: Orphanage
Chisinau - Orfanotrofio
Chisianau - Orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
8 / 36 enlarge slideshow
Chisinau - Orfanotrofio
Chisianau - Orphanage
Leova - Orfanatrofio Gimnaziu: I pasti si svolgono nella fredda atmosfera di una mensa collettiva 
Leova - Gimnaziu orphanage: Meals take place in the cold atmosphere of a collective canteen
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
9 / 36 enlarge slideshow
Leova - Orfanatrofio Gimnaziu: I pasti si svolgono nella fredda atmosfera di una mensa collettiva
Leova - Gimnaziu orphanage: Meals take place in the cold atmosphere of a collective canteen
Chisinau - un unico bagno all'interno dell'orfanotrofio
Chisinau - the only one bathroom in the Orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
10 / 36 enlarge slideshow
Chisinau - un unico bagno all'interno dell'orfanotrofio
Chisinau - the only one bathroom in the Orphanage

Serata Noua - Chisinau Orfanotrofio: lavandini senza acqua
Sarata Noua - Chisinau Orphanage: sinks without water
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
11 / 36 enlarge slideshow
Serata Noua - Chisinau Orfanotrofio: lavandini senza acqua
Sarata Noua - Chisinau Orphanage: sinks without water
Leova - Orfanatrofio Gimnaziu: il dormitorio
Leova - Gimnaziu orphanage: the dormitory
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
12 / 36 enlarge slideshow
Leova - Orfanatrofio Gimnaziu: il dormitorio
Leova - Gimnaziu orphanage: the dormitory

Leva - Orfanatrofio Gimnaziu: Stanza adibita alle visite ginecologiche e al parto
Leva - Gimnaziu orphanage: Room for gynecological examination and delivery
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
13 / 36 enlarge slideshow
Leva - Orfanatrofio Gimnaziu: Stanza adibita alle visite ginecologiche e al parto
Leva - Gimnaziu orphanage: Room for gynecological examination and delivery
Leova - Orfanatrofio Gimnaziu: badante madre accudisce i nascituri delle ragazze madri dell'orfanotrofio
Leova - Gimnaziu orphanage: caregiver mother who takes care of newborn babies of the mother girls of the orphanage
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
14 / 36 enlarge slideshow
Leova - Orfanatrofio Gimnaziu: badante madre accudisce i nascituri delle ragazze madri dell'orfanotrofio
Leova - Gimnaziu orphanage: caregiver mother who takes care of newborn babies of the mother girls of the orphanage

Chisinau - una delle tante vittime della tratta delle bianche, mostra un manifesto di denuncia contro la tratta delle bianche
Chisinau - one of the many victims of the white slave trade, shows an complaint poster against the white slave trade
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
15 / 36 enlarge slideshow
Chisinau - una delle tante vittime della tratta delle bianche, mostra un manifesto di denuncia contro la tratta delle bianche
Chisinau - one of the many victims of the white slave trade, shows an complaint poster against the white slave trade
Comrat - Una delle tante vittime della tratta delle bianche, ricoverata in ospedale, piange durante il suo racconto 
Comrat - One of the many victims of white slaves trade, hospitalized, cries during her story
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
16 / 36 enlarge slideshow
Comrat - Una delle tante vittime della tratta delle bianche, ricoverata in ospedale, piange durante il suo racconto
Comrat - One of the many victims of white slaves trade, hospitalized, cries during her story
Avdarma - Chisinau - Funerale di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's funeral, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
17 / 36 enlarge slideshow
Avdarma - Chisinau - Funerale di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's funeral, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered
Avdarma - Chisinau - Madre di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's mother, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered[/sub]
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
18 / 36 enlarge slideshow
Avdarma - Chisinau - Madre di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's mother, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered[/sub]
Avdarma - Chisinau - Funerale di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's funeral, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
19 / 36 enlarge slideshow
Avdarma - Chisinau - Funerale di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's funeral, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered
Avdarma - Chisinau - Funerale di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's funeral, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
20 / 36 enlarge slideshow
Avdarma - Chisinau - Funerale di Dasha, una ragazza di 15 anni, vittima delle tratta delle bianche, venduta dal padre, in seguito morta per le violenze subite
Avdarma - Chisinau - Dasha's funeral, a 15-year-old girl, victim of the white slaves trade, sold by her father, who later died for the violences suffered
Chisianau - ragazze durante i corsi di arti marziali per la difesa personale
Chisinau - girls practice self-defense courses
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
21 / 36 enlarge slideshow
Chisianau - ragazze durante i corsi di arti marziali per la difesa personale
Chisinau - girls practice self-defense courses
Soroca  - Casa del re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, consulente per le questioni rom del presidente della Moldavia. 
Soroca  - House of the king of gipsies, known as king baron Arthur Cerari, consultant for Rom issues of the president of Moldova.
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
22 / 36 enlarge slideshow
Soroca - Casa del re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, consulente per le questioni rom del presidente della Moldavia.
Soroca - House of the king of gipsies, known as king baron Arthur Cerari, consultant for Rom issues of the president of Moldova.
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, ritratto con la sua famiglia 
Soroca -  The king of gipsies, known as king baron Arthur Cerari, portrayed with his family
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
23 / 36 enlarge slideshow
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, ritratto con la sua famiglia
Soroca - The king of gipsies, known as king baron Arthur Cerari, portrayed with his family

Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, parla otto lingue e suona ogni strumento. 
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, speaks eight languages and plays every instrument.
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
24 / 36 enlarge slideshow
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, parla otto lingue e suona ogni strumento.
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari, speaks eight languages and plays every instrument.
Soroca -  Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari con la figlia
Soroca  - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari with the daughter
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
25 / 36 enlarge slideshow
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari con la figlia
Soroca - Il re degli zingari, conosciuto come il re barone Arthur Cerari with the daughter
Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, i palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata
Soroca, the gypsy capital of the world, the kingdom of the Rom, the ultra kitsch palaces show off a shameless wealth
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
26 / 36 enlarge slideshow
Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, i palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata
Soroca, the gypsy capital of the world, the kingdom of the Rom, the ultra kitsch palaces show off a shameless wealth
Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, i palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata
Soroca, the gypsy capital of the world, the kingdom of the Rom, the ultra kitsch palaces show off a shameless wealth
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
27 / 36 enlarge slideshow
Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, i palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata
Soroca, the gypsy capital of the world, the kingdom of the Rom, the ultra kitsch palaces show off a shameless wealth
Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, i palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata
Soroca, the gypsy capital of the world, the kingdom of the Rom, the ultra kitsch palaces show off a shameless wealth
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
28 / 36 enlarge slideshow
Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, i palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata
Soroca, the gypsy capital of the world, the kingdom of the Rom, the ultra kitsch palaces show off a shameless wealth
Soroca, la capitale gitana del mondo, un rom ritratto davanti la sua casa
Soroca, the gypsy capital of the world, a rom portrayed in front of his house
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
29 / 36 enlarge slideshow
Soroca, la capitale gitana del mondo, un rom ritratto davanti la sua casa
Soroca, the gypsy capital of the world, a rom portrayed in front of his house
Soroca, la capitale gitana del mondo, famiglia rom ritratta davanti la sua casa
Soroca, the gypsy capital of the world, a family rom portrayed in front of his house
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
30 / 36 enlarge slideshow
Soroca, la capitale gitana del mondo, famiglia rom ritratta davanti la sua casa
Soroca, the gypsy capital of the world, a family rom portrayed in front of his house
Chisinau: periferia
Chisinau: the suburbs
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
31 / 36 enlarge slideshow
Chisinau: periferia
Chisinau: the suburbs
Chisinau: periferia
Chisinau: the suburbs
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
32 / 36 enlarge slideshow
Chisinau: periferia
Chisinau: the suburbs
Chisinau: Periferia della città, i quartieri poveri: due ragazze in strada
Chisinau: The suburbs, the poor neigbourhoods: two girls in the street
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
33 / 36 enlarge slideshow
Chisinau: Periferia della città, i quartieri poveri: due ragazze in strada
Chisinau: The suburbs, the poor neigbourhoods: two girls in the street

Chisinau: tram in periferia
Chisinau: tram the suburbs
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
34 / 36 enlarge slideshow
Chisinau: tram in periferia
Chisinau: tram the suburbs
Esercito moldavo
Moldovan army
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
35 / 36 enlarge slideshow
Esercito moldavo
Moldovan army
Dove vanno a finire le bambine degli orfanotrofi moldavi? 
Tra le braccia dei trafficanti!
options available
opzioni disponibili
add to cart
aggiungi al carrello
36 / 36 enlarge slideshow
Dove vanno a finire le bambine degli orfanotrofi moldavi?
Tra le braccia dei trafficanti!

MOLDAVIA sfruttamento dell'innocenza (orfanotrofi e tratta delle bianche)

Se dovessi chiudere gli occhi e ritornare a sentire la sensazione del mio corpo e della mia anima, nei ricordi sul mio viaggio in Moldavia, brucerei di dolore.
Non sono stati i luoghi fisici a interessarmi ma le persone, quelle indifese, vittime di complotti tra stati, paesi e nazioni, del traffico di organi sui minori e della tratta delle bianche.
Dove vanno a finire le bambine degli orfanotrofi moldavi? Tra le braccia dei trafficanti.
La Moldavia nonostante la sua povertà dove abita tutto il male e tutta la disperazione, ospita Soroca, la capitale gitana del mondo, il regno dei rom, non più nomadi ma stanziali.
I palazzi ultra kitsch ostentano una ricchezza sfacciata, gli abitanti devoti, seguono le regole del “Re gipsy Arthur Cerari” anche consulente per le questioni rom del presidente della Moldavia.
Arthur Cerari parla otto lingue e suona ogni strumento.

La Moldavia, è anche il paese più povero dell’Europa orientale, sono più di settantamila i bambini dimenticati dai governi in strada tra le mani dei trafficanti e centomila che crescono negli orfanotrofi.
A Chişinău, blocchi di cemento non riscaldato ospitano ben 183 orfani tutto l'anno, anche qui sono gli ultimi tra gli ultimi.
Orfanotrofi fatiscenti, odore di urina, camerate spoglie e senza amore, bagni freddi con un'unica doccia comune, dove i bambini e le ragazze sono introdotti in gruppi una sola volta a settimana, i pasti si svolgono nella fredda atmosfera di una mensa collettiva che offre un banchetto misero.
Per le ragazze c’è anche uno spazio adibito alle visite ginecologiche e al parto, alcune di loro spesso rimangono incinte, sebbene le camerate non siano miste.
Per questo motivo ci sono donne madri che fanno le badanti dentro gli orfanotrofi per prendersi cura dei nascituri, che a sua volta presto andranno in adozione a famiglie straniere, che pagano cifre esorbitanti.
Gli orfanotrofi moldavi, sono dislocati in zone lontane dai grandi agglomerati urbani, assolutamente fuori dal mondo abitato e commerciale, la volontà è di dissuadere i ragazzi dalla fuga.
A sedici anni termina l’incarico di ospitalità da parte del governo, le ragazze sono costrette ad affidarsi a bande criminali locali, ma la fine è sempre tragica, sono adescate e rivendute a bande di trafficanti internazionali. Queste giovani ragazze sono costrette alla schiavitù sessuale prima ancora di diventare donne.
Nel tragitto da una destinazione all’altra le ragazze sono abusate e maltrattate, marchiate a vita.
Per passare la frontiera dovranno pagare un costo di tremila euro che sconteranno nel tempo prostituendosi.
Secondo l’organizzazione internazionale per le migrazioni, questo fenomeno riguarda un quarto della popolazione moldava in età lavorativa.
A Chişinău nelle strade principali, sono presenti grandi cartelloni pubblicitari contro la tratta delle bianche, purtroppo ci sono almeno due certezze intorno alle vittime: donne e bambini, gli albanesi dalla parte dei trafficanti e gli uomini italiani come clienti.
Dasha era una ragazza di quindici anni, venduta dal padre per un sacco di patate e per due anni finita tra le mani dei trafficanti turchi diventando una schiava del sesso.
Questa è la confessione del padre che preso dai rimorsi, in seguito si costituirà alla polizia nello stesso giorno in cui si svolgeva il funerale della giovane figlia nel piccolo villaggio innevato di Advarma.
Dentro la bara di legno trasportata a mano dagli amici di Dasha, solo fiori di plastica intorno al suo corpo, il suo bel viso coperto di cerone bianco nascondeva i segni delle violenze subite. Venduta dal padre per un sacco di patate alla mafia turca, Dasha era riuscita a scappare dall’appartamento, dove era segregata per due anni, gettandosi dal balcone.
Uno dei trafficanti per punirla le aveva rotto i denti, mentre si rifiutava di fare sesso orale con un cliente. Fu raccolta in strada da un tassista di passaggio, che la nascose dalla vecchia madre in un piccolo villaggio. Dasha dopo pochi giorni attraversò varie frontiere pur di tornare dai suoi genitori, fu un lungo viaggio disperato e quando arrivò era molto malata, morì di epatite fulminante tra le braccia dei genitori, lo stesso giorno che mise piede nella sua casa.
Oggi molte ragazze più fortunate di Dasha, praticano arti marziali, per l'autodifesa.
Dasha non seppe mai che il padre l'aveva tradita vendendola per un sacco di patate, portandola alla morte.
Lo sfruttamento dei bambini e delle giovani donne è l'aspetto più drammatico di un crimine che infanga tutti noi.


Copyright Shobha
All rights reserved
Share
Link
https://www.shobha.it/moldavia_sfruttamento_dell_innocenza_orfanotrofi_e_tratta_delle_bianche-r11293
CLOSE
loading